Miss Iraq posa con reginetta israeliana: la sua famiglia deve darsi alla fuga
Miss Iraq posa con reginetta israeliana: la sua famiglia deve darsi alla fuga. 

In molti si sono dati un pizzicotto, chiedendosi conferma del fatto che stiamo vivendo nel terzo millennio...dopo la notizia, in un mondo governato dall'odio, delle minacce a Miss Iraq e alla sua famiglia dopo le foto con Miss Israele. Quella foto su Instagram poteva essere uno spot natalizio a favore della pace su questo pianeta e ha fatto il giro del mondo non il dolce sorriso testa a testa delle due protagoniste, ma l'ondata di minacce che si è riversata sulla famiglia di Miss Iraq ha vanificato tutto. Qui non è il caso di esagerare con gli insulti all'Islam, ma sperare e pregare che gli uomini di buona volontà riescano ad avere la meglio sull'odio, di qualunque fede religiosa siano.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Doveva essere un semplice selfie da postare su Instagram, un messaggio di bellezza e di pacifica convivenza, e invece le due affascinanti Miss sono diventate le protagoniste di un un caso diplomatico.

Tutto è avvenuto a margine del concorso Miss Universo a Las Vegas, nel momento in cui Miss Iraq, Sarah Eedan, reginetta di bellezza del proprio Paese, e Adar Gandelsman, Miss Israele, hanno posato insieme per un selfie.

La foto è stata condivisa dalla finalista israeliana sul proprio profilo Instagram, ma le reazioni della rete sono state dure, imprevedibili, contrastanti.

Non vi è stata, purtroppo,  solo la reazione di moltissimi che hanno interpretato lo scatto come un segnale di distensione tra i due Paesi: "La pace nasce dall'amicizia, amo questa foto", "L'amore tra i popoli è la cosa più importante, vi ammiro", si legge nei commenti.

Un portavoce del Governo israeliano ha perfino definito lo scatto "un grande messaggio di speranza per tutta la regione".

Poi, come spesso accade, tristemente, l'altra faccia della medaglia: "Quest'immagine non rispetta la sensibilità di tutti", ha twittato una YouTuber; "La reginetta di bellezza irachena posa con la regina dell'occupazione e della brutalità", "La foto di una musulmana con un'israeliana non rappresenta la politica del ministero degli Esteri di Israele, ostile ai diritti umani e alla pace".

Israeliani favorevolmente colpiti, mondo arabo invece irritato.

E' per questo che la miss irachena ha provato a difendersi: "Miss Israele si è avvicinata, mi ha chiesto di fare una foto insieme e mi ha detto di sperare che ci sia presto la pace fra i nostri due popoli".

Sarah Idan ha difeso la foto e il suo significato scrivendo sui social: "Il mio post non significa che io sostenga il governo israeliano e che accetti le loro politiche nei confronti del mondo arabo. Mi scuso con chiunque consideri il mio gesto dannoso per la causa palestinese. Il mio era un appello alla pace e alla speranza per la fine della crisi".

Le parole erano però diventate ormai inutili, tanto che la reginetta e i suoi familiari, che vivono in Iraq, sono stati costretti, dall'odio, a fuggire e far perdere le proprie tracce.

Un caso analogo era capitato nel 2014, sempre in occasione del concorso Miss Universo, la Miss Doron Matalon, concorrente israeliana aveva scattato una foto che la ritraeva con la finalista libanese.

Anche in quel caso il selfie, postato suoi social, aveva destato numerose critiche. 

Ma si può?!

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Le conseguenze disastrose del selfie fra Miss Iraq e Miss Israele, milleunadonna.it, 18 Dicembre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).