Uno spyware molto
Uno spyware molto "istruito": nuova scoperta in Italia. 

I ricercatori di Kaspersky, azienda moscovita specializzata nella sicurezza infortmatica, hanno scoperto uno strumento di spionaggio attivo dal 2014. Skygofree, spyware Android è tra i più potenti mai rilevati sinora, in questo lasso di tempo è riuscito a infettare diversi dispositivi solo in Italia, mettendo a rischio i dati presenti negli smartphone e la privacy a 360° degli utenti. A preoccupare maggiormente gli analisti di sicurezza, è la capacità di Skygofree di registrare audio e voci ambientali a seconda del luogo in cui si trova una persona: una funzionalità che rende lo spyaware Android uno dei più potenti strumenti di spionaggio oggi in circolazione.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

E' come un ceppo di virus che resiste agli antibiotici: chiamatelo come volete, spyware o malware, ma resta il fatto che è attivo, evoluto, resistente e pericoloso.

Si tratta di "Skygofree", uno spyware, ovvero un software scaricato per propagare informazioni altrui, che gli studiosi del genere definiscono molto sofisticato.

Dopo la creazione della prima versione alla fine del 2014, ha subito costanti aggiornamenti e ora è in grado di controllare di nascosto il dispositivo da remoto e in particolare di catturare messaggi WhatsApp, il registro delle chiamate, gli sms, gli eventi in calendario e altre informazioni conservate in memoria.

Soprattutto, consente di attivare la registrazione audio via microfono in modo automatico sulla base della posizione stessa del cellulare.

Una funzionalità speciale consente inoltre al malware di inserirsi nell’elenco delle "app protette" per non venire disattivato automaticamente quando lo schermo è spento.

I ricercatori di Kaspersky Lab, a cui va il merito della scoperta, si sono espressi in merito alla questione: "I malware mobile di alto profilo sono estremamente difficili da identificare e bloccare e gli sviluppatori di Skygofree hanno sfruttato questo fattore a proprio vantaggio, creando e sviluppando uno spyware in grado di spiare gli obiettivi senza destare sospetti". 

Dalle parti del grande laboratorio di Mosca sono convinto che il malware Skygofree sia stato sviluppato da un’azienda italiana che offre soluzioni di sorveglianza, come HackingTeam.

Per proteggersi dalle minacce mobile più avanzate, Kaspersky Lab consiglia di implementare una soluzione di sicurezza affidabile in grado di identificare e bloccare queste minacce, come Kaspersky Security for Mobile.

Gli utenti dovrebbero inoltre fare attenzione alle email ricevute da persone o aziende sconosciute e di verificare sempre l’integrità e l’origine dei siti web prima di cliccare sui link.

C'è da preoccuparsi fin da subito? Una nuova preoccupazione grave per tutti? Nulla di immediato, ma se non si fa attenzione...Soprattutto WhatsApp è a rischio di infiltrazione e contaminazione...

Lo spyware sarebbe stato veicolato a partire da alcune finte pagine web di operatori telefonici e loro offerte: alcuni di questi domini sono stati registrati già nel 2015, mentre il più recente risalirebbe allo scorso ottobre.

Secondo i dati di Kaspersky, le infezioni riguarderebbero alcuni individui (al massimo due dozzine), in Italia, ovvero una campagna limitata anche perché il software, ipotizza il report, sarebbe stato sviluppato da un’azienda italiana che offre soluzioni di sorveglianza e intercettazione.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Skygofree, lo spyware Android che vi spia e registra la voce, tecnologia.libero.it, 16 gennaio 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).