Cybersecurity: non è un vizio ma un imperativo categorico
Cybersecurity: non è un vizio ma un imperativo categorico. 

E' una questione di millisecondi (ms), ma non certo di lana caprina. Se ne è occupato il Business Summit 2017 di Samsung Italia, ma è un tema certo da convegno, certo da seminario, ma soprattutto  di vita quotidiana. Per la privacy delle persone, ma anche per il posto di lavoro e la sicurezza occupazionale delle persone. Non essere violati, non far ricadere su di se errori sul posto di lavoro è tanto importante quanto le vicende personali che rischiano di diventare virali e di capitare in mani pericolose. E' la Cybersecurity, tema sempre di attualità. Una priorità. Anche emergenziale. Averla, esserne forti è valore aggiunto per la qualità di vita delle persone, delle famiglie, delle imprese.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

I giochi li ha aperti una dichiarazione importante.

Queste le frasi di Carlo Barlocco, presidente di Samsung Italia: "L'evoluzione digitale è oggi un grande traguardo, ma la digital transformation senza la sicurezza è nulla, in quanto espone il proprio business al rischio di attacchi esterni".

Non solo: "La cybersecurity è cruciale per lo sviluppo dell'economia e l'Italia ha ancora molte opportunità da cogliere ed è fondamentale riuscire a fare fronte comune tra la politica, la società civile e il mondo aziendale".

L'edizione 2017 del Business Summit di Samsung ha incassato la partecipazione del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni e dell'Assessore alla trasformazione digitale del Comune di Milano, Roberta Cocco, oltre ai massimi dirigenti di imprese pubbliche e private.

Banca d'Italia parla chiaro: tutte le grandi aziende subiscono ogni giorno attacchi informatici e nel 2016 il 47% delle piccole medie imprese italiane ha subito almeno un attacco.

Sul fronte imprenditoriale c'è uno studio di Ey, presentato al Summit, secondo il quale quasi la totalità delle aziende italiane (96%) è consapevole di non avere un livello di sicurezza informatica adeguato.

Il "percepito", la situazione vissuta psicologicamente come una situazione di fatto fra i lavoratori presenta numeri allarmanti.

Al  proprio simposio, Samsung ha naturalmente presentato un sondaggio in tal senso dove circa il 40% considera il proprio smartphone poco o per niente sicuro.

Inoltre, il 50,7% degli intervistati ritiene che i file presenti sul telefonino (immagini, video, documenti, altro) siano solo parzialmente al sicuro e che i metodi di protezione adottati non siano totalmente affidabili.

Insomma si avverte il bisogno di familiarizzare con il concetto di cybersecurity, di non considerarlo una fisima, un vezzo o un capriccio.

Un esempio concreto? Terna, gestore della rete di distribuzione dell’energia nel paese, riceve ogni giorno migliaia di tentativi di attacco, azioni messe in atto da soggetti esterni nel tentativo di individuare una vulnerabilità nel sistema di protezione per violarlo e sottrarre dati o comprometterne la stabilità. 

La necessità di nuovi strati di sicurezza è ineludibile tanto quanto lo era una volta il processo di transazione verso l’integrazione tra il mondo offline e quello online: i dati un tempo erano custoditi all’interno di postazioni scollegate dalla grande Rete ora vengono affidati a server remoti, spesso situati dall’altra parte del mondo.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Cybersecurity, l’emergenza e il valore aggiunto, webnews.it, 27 Ottobre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).