Kingdom Hearts: recensioneCosa succede quando i personaggi di una delle più note case di videogames al mondo (la Square Enix) ed una delle maggiori case di animazione (la Walt Disney) si uniscono? Semplice! Otterrete Kingdom Hearts: un mix perfetto tra divertimento sano e genuino, e fantasy allo stato puro. Kingdom Hearts narra le avventure del prode Sora, accompagnato dai fidi compagni Paperino e Pippo. Una storia fantastica, magia e colpi di scena attendono i nostri tre amici, in viaggio per il multiverso Disney, con qualche piacevole apparizione proveniente dai mondi di Final Fantasy, tra i quali Squall Leonheart, Yuffie Kisaragi e Cloud Strife.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

La Disney e la Square Enix sono due colossi dell'intrattenimento, il primo per quanto riguarda il mondo dell'animazione, il secondo riguardo il mondo dei videogames. 

Nel 2002 uscì per la Play Station 2 un RPG nato dalla collaborazione tra le due case mondiali dell'intrattenimento: Kingdom Hearts.

Questa creatura è unica ne suo genere, una vera e propria pietra miliare riguardo il modo di concepire i giochi di ruolo.

Un esperimento di successo in cui filosofia occidentale e quella orientale si sono unite, dando vita ad un gioiellino videoludico che ha fatto la gioia sia degli amanti dei cartoni Disney che della serie Final Fantasy. 

I fan della Square proveranno piacere nel rivedere la dolce Aerith uccisa da Sephiroth in Final Fantasy VII, mentre i fan Disney saranno felici di rivedere tutti i loro beniamini riuniti all'interno di un unico gioco. 

Kingdom Hearts è un'avventura da provare, "ovattata" da una forte dose di magia e fantasia uniche al mondo. 

Adesso passiamo ad analizzare i vari aspetti del gioco. 

La storia inizia presso le Isole del Destino, in cui regnano la pace e la serenità. 

Gli abitanti del luogo sono alcuni personaggi che abbiamo conosciuto nei vari titoli di Final Fantasy.

Tra questi ricordiamo Tidus e Wakka provenienti da Final Fantasy X e la vivace e peperina Selphie Tilmitt di Final Fantasy VIII.

Il protagonista della storia è Sora, un ragazzino di 14 anni che ultimamente si fa molte domande circa il senso della vita e la verità sull'universo. 

Sora è dotato di un'immensa bontà d'animo e crede molto nel valore dell'amicizia.

Il giovane è molto legato a Kairi, una ragazza dalle origini sconosciute, e Riku (15 anni) dal cuore freddo come il ghiaccio ed allo stesso tempo amico-rivale del protagonista. 

Purtroppo avverrà un evento terribile, una minaccia incomberà sulle Isole del Destino, quella degli heartless. 

Questo è il plot di una storia meravigliosa, affascinante e dalle tinte puramente fantasy. 

Passando per il lato grafico, è d'uopo affermare che l'allora Squaresoft e la Disney Interactive, hanno fatto un grande lavoro.

Un gioco con personaggi ed ambientazioni in 3D animati in maniera distinta e ben caratterizzati.

Le animazioni non risultano mai essere statiche o legnose, le atmosfere sono una via di mezzo tra il dark ed il comico, un connubio che paradossalmente funziona in maniera egregia. 

Le ambientazioni sono state create ad hoc e non hanno nulla da invidiare a quelle di un capolavoro come Final Fantasy X. 

Dan Winters, all'epoca uno dei massimi esponenti di Disney Interactive, dichiarò: "Eravamo tutti emozionati, lavorare con Tetsuya Nomura (designer del gioco nda) è qualcosa di fantastico. La sua fantasia e genialità sono senza limiti".

Per chi fosse interessato, il gioco è disponibile su Amazon al prezzo di 20,99 euro. 

Ringrazio il canale Youtube di Megarobbey per le preziose informazioni riguardanti il prodotto. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.