Mark Zuckerberg e il giallo della sua presenza in Commissione
Mark Zuckerberg e il giallo della sua presenza in Commissione. 

Cambidge Analytica? Nuove polemiche. Sembra che Mark Zuckerberg, storico co-fondatore di Facebook, si sia rifiutato di comparire dinanzi alla Commissione del Parlamento inglese in merito al recente scandalo e sulla tutela della privacy dei dati del social network. Al suo posto, il Parlamento inglese riceverà Mike Schroepfer (Chief Technology Officer) oppure Chris Cox (Chief Product Officer). Il CEO di Facebook è stato convocato personalmente dalla DCMS, la Commissione per lo sport, il digitale, i media e la cultura del Parlamento inglese; quanto accaduto con la nota compagnia Cambridge Analityca è di una gravità indicibile ed è necessario che a parlare sia un dirigente di livello senior.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

La Camera dei Comuni vuole risposte precise dai massimi livelli di Facebook? Faccia come crede, secondo il numero uno del social network più popolare al mondo.

Mark Zuckerberg avrebbe infatti declinato l’invito, lasciando ai propri dirigenti Schroepfet e Cox il compito di fornire risposte più meticolose rispetto al CEO.

Nel frattempo, la Federal Trade Commission statunitense ha aperto un’inchiesta su Facebook, facendo crollare il titolo in borsa:l'indagine dell’FTC passerà al vaglio le pratiche della società in merito alla tutela della privacy dei dati degli utenti.

Le azioni di Facebook hanno perso un altro 5%, dopo una settimana nera a causa dello scandalo Cambridge Analityca. Inoltre sussiste un ennesimo rischio per il colosso social.

L’FTC potrebbe chiamare in causa l’accordo sulla tutela della privacy siglato nel 2011 tra la Commissione USA e Facebook, con il mancato adempimento di quest’ultimo che prevede il pagamento di una somma fino a 40 mila dollari per ogni violazione

Basta fare due conti: circa 50 milioni di utenti sono stati vittima della bufera della scorsa settimana, per cui per la compagnia sarebbe un danno economico non da poco.

In ogni caso non è finita qui e quello economico non è l'unico problema, visto che politicamente il Parlamento britannico e la stessa Unione Europea si sentono snobbati.

Damian Collins, che guida la commissione britannica, ha commentato che le motivazioni per cui Zuckerberg non sarà presente non sono chiare e già annunciato l'intenzione di inviare una nuova richiesta di comparizione.

Ma a volere risposte è anche Bruxelles, che ha chiesto a Facebook di fornirle "nelle prossime due settimane", avendo già chiarito quando lo scandalo è emerso che i cittadini europei attendevano chiarimenti dal social network.

A scatenare tutte queste voci è stata l’audizione di Christopher Wylie, la gola profonda che ha fatto emergere il caso dopo aver lavorato in passato per Cambridge Analytica, la società di consulenza accusata di aver acquisito dati senza il consenso degli interessati.

Wylie ha lasciato intendere anche di temere per la sua sicurezza, raccontando infatti della morte, a suo dire sospetta, avvenuta qualche tempo fa in Kenya di Dan Muresan, suo predecessore con lo stesso incarico alla CA.

Per il resto Wylie ha confermato l’accusa a CA di aver influenzato il processo democratico in varie elezioni, a partire da quelle che hanno portato Donald Trump alla presidenza Usa.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Facebook: Mark Zuckerberg rifiuta di comparire dinanzi alla Commissione del Parlamento inglese, gizblog.it, 27 marzo 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).