Google Cardboard e Oculus Rift: specifiche, prezzo e data d'uscitaLa tecnologia si sta avviando sempre di più verso un punto di svolta. Negli ultimi anni si è parlato dei nuovi visori VR, ovvero visori a realtà virtuale, che permettono un'esperienza interattiva ai massimi livelli, utilizzando i contenuti che lo supportano. Sicuramente uno dei modelli che ha fatto più notizia è stato l'Oculus Rift, seguito dalla versione economica Google Cardboard. Nel tempo questo strumento è stato perfezionato, arrivando a rivoluzionare, soprattutto, l'industria dei videogiochi. Ma andiamo a vedere più da vicino di cosa si tratta.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Innanzitutto ci teniamo a precisare che, al momento, esistono svariati modelli di visori per la realtà aumentata in vendita sul mercato. 

I prezzi sono molto variabili. 

Infatti si va dai 17€ del modello di AFUNTA fino ai 130€ dello ZEISS VR ONE.

Entrambi con caratteristiche e qualità differenti, con il supporto per smartphone di dimensioni dai 4" ai 6". 

Attraverso l'utilizzo di un visore VR è possibile guardare contenuti in 3D, video a 360° (alcuni disponibili anche su Youtube) e giocare a titoli realizzati ad hoc per questa tecnologia.

Ma parliamo ora dei due modelli più conosciuti del momento, ovvero Google Cardboard e Oculus Rift.

 

1) Google Cardboard

Google Cardboard è realizzato interamente in cartone, con la presenza di due lenti bifocali da 45mm per osservare contenuti appositi.

Sul Play Store sono presenti moltissimi contenuti e video gratuiti (compatibili esclusivamente con Google Cardboard) da scaricare e provare in prima persona. 

Tra queste si possono citare il Virtual Tour e il VR Roller Coaster.

La qualità dei materiali giustifica molto il prezzo economico di questo prodotto, infatti andrete a pagarlo sui 15€ circa.

Nonostante questo, però, la Google Cardboard riesce ad essere comoda e garantisce una presa sicura intorno alla testa.

Se è la prima volta che vi approcciate a questo genere di tecnologia, vi consigliamo di iniziare da qui come riferimento.

La qualità non sarà eccelsa, ma vi darà un'idea delle potenzialità di questa tecnologia e di come potrà essere applicata in campi molto più estesi.

2) Oculus Rift

Passiamo ora alla punta di diamante di questo argomento, ovvero l'Oculus Rift.

La differenza sostanziale con qualsiasi altro visore VR in circolazione è che l'Oculus Rift monta un display da 5,6" FullHD già di default.

Proprio per questo l'Oculus Rift viene definito HMD, ovvero head-mounted display (schermo da indossare sulla testa).

Con gli anni sono state proposte versioni differenti del prodotto per osservarne gli sviluppi.

Questa che vi proponiamo nell'articolo è la Crystal Cove che, grazie allo schermo OLED, permette di ridurre sensibilmente la latenza a schermo, eliminando eventuali problemi che potrebbero sorgere da un uso prolungato del dispositivo.

Inoltre, la presenza di ben 20 sensori ad infrarossi, permette al giocatore di muoversi in totale libertà nell'ambiente 3D circostante.

Dunque stiamo parlando di uno strumento che ci può far muovere fisicamente nell'ambiente di gioco, come se fossimo direttamente protagonisti del gioco.

Parliamo ora del prezzo.

In Italia, il costo dell'Oculus Rift si aggirerà intorno ai 700€, in bundle con un controller Xbox One.

E' possibile avere uno sconto di 200€ se si acquista un PC Alienware X51.

Si spera in altri bundle decisamente più allettanti.

La data di uscita è fissata per Maggio 2016, a meno di ritardi o spostamenti.

Chissà se questa tecnologia avrà quel che serve per poter rivoluzionare il mondo videoludico.

Già Nvidia ha fatto sapere che sta realizzando un visore VR proprietario, probabilmente per sfruttare al massimo i servizi di streaming e le nuove GPU che presenterà quest'anno. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.