Ubuntu One applicazione per sistema operativo UbuntuUbuntu One, servizio nato poco più di un anno fa, offre musica in streaming ai propri utenti che potranno ascoltarla dal loro telefonino.

Nello specifico, chi usa Ubuntu come sistema operativo può fruire di questo servizio (chiamato Ubuntu One, appunto) per il proprio smartphone, che mette a disposizione uno spazio online, gratuito, da usare come meglio si crede, da 2GB espandibile pagando un abbonamento annuale.

 

Come funziona? L'utente Ubuntu potrà acquistare dal proprio pc i brani musicali preferiti e caricarli su questo disco virtuale online che mette a disposizione l'applicazione Ubuntu One e poi ascoltarli in streaming dal proprio telefonino; da sottolineare che nella stessa direzione si stanno muovendo anche Apple, Google e Microsoft.

La qualità della riproduzione in streaming, però, dipende molto dal tipo di connessione usata: se non è adeguata l'applicazione è del tutto inutile.

 

Per ora, per smartphone con sistemi operativi Android, la Canonical ha messo a punto un software essenziale ma semplice: fa quello che ci si aspetta senza fronzoli; ha, però, in previsione di lavorare per ottimizzare questo servizio allo scopo di consentirne l'uso anche ad altri sistemi operativi a cominciare da iOS e WP7.

Quindi non solo sviluppo ed ottimizzazione di applicazione per smartphone, ma anche evoluzione, aggiornamento del sistema operativo principale: già da alcuni giorni è, infatti, disponibile la prima versione RC di Ubuntu 10.10.

Virginia Simbula...published by Manager_Alessandro Bechis

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare